Home > Vini > Piemonte > Saracco

Saracco

Saracco

Per noi Saracco il vino è la metofora della nostra vita. La natura con il suolo, il sole, il calore, l'acqua, ... ci offre qui a Castiglione Tinella un'opportunità unica: il moscato. Pensate quanto siamo fortunati, solo poche colline più in là non avremmo questa opportunità. Si lo sappiamo, in quelle colline più in là ci sono altre opportunità, altre fortune, ma noi abbiamo e viviamo il moscato. Ecco perché la nostra filosofia è di sentirci più fortunati che bravi, più coltivatori che competenti, più della terra che del mercato. Sia chiaro, ci lusinga sentirci dire che siamo bravi, che sappiamo fare ottimi vini e che li apprezzano oramai in tutto il mondo, ma l'orgoglio no, quello ce lo dà il fatto di essere nati fra queste colline che ogni sera si addormentano all'ombra delle Alpi, ce lo dà il fatto di essere l'anello di congiunzione tra le zolle che calpestiamo e il vino che produciamo. Forse non è una filosofia, siano noi, siamo quello che questa terra ci offre. Già nel 1600, l'uva veniva coltivata sulle colline che circondano Castiglione Tinella; molte erano le varietà ma il Moscato si è rivelato essere perfetto per questa tipologia di sottosuolo. La proprietà oggi è composta da 46 ettari che si sviluppano in tutte le direzioni attorno al fabbricato della cantina, situato nel cuore del paese. I vigneti sono coltivati per la maggior parte a Moscato; si trovano in posizioni pregiate e vantano piante di età avanzata. Banchi di sabbia inframezzati da strati di tufo grigio che sgretolandosi diventa limo e una buona dotazione di calcare, rappresentano le caratteristiche pedologiche di questa terra - unica nel suo genere - che stagione dopo stagione, lavora silenziosamente per produrre uno dei vini che contribuisce a rendere famoso il Piemonte nel mondo.

Indietro

Moscato d'Asti Saracco

Moscato d'Asti Saracco

Maggiori informazioni