Home > Vini > Umbria > Antonelli

Antonelli

Antonelli

Le origini della tenuta si perdono nella storia. Alcuni documenti medievali ricordano “San Marco de Corticellis” come corte agricola longobarda, in una delle aree più vocate alla coltivazione della vite e dell’olivo. Dal XIII al XIX secolo la tenuta è appartenuta al Vescovo di Spoleto (i confini attuali sono quasi gli stessi di quelli descritti in un documento del XIII secolo, conservato all’archivio vescovile). Nel 1881 Francesco Antonelli, avvocato di Spoleto, acquistò la proprietà. Ha inizio una radicale opera di trasformazione e ammodernamento degli impianti e delle colture: in una relazione del 1899 si parla già di vigneti con 5.000 ceppi per ettaro, così come della profonda trasformazione delle condizioni di vita dei coloni, «perchè la sinità loro, la facilità e comodità di soddisfare alle esigenze domestiche li rende più adatti e alacri nei lavori, e li affeziona al fondo...». Ed è con questa filosofia che l’Azienda è arrivata nel 1979 ad intraprendere l’attività di imbottigliamento dei vini. Al centro dell’Azienda, proprio sotto l’antica casa padronale, si trova la Cantina, recentemente ampliata con nuovi spazi per l’affinamento nel legno e in bottiglia e la realizzazione della sala di fermentazione sotterranea su due livelli. Si vinificano solo uve di propria produzione, da agricoltura biologica, così da offrire un prodotto di cui si siano valutate e controllate, in ogni fase, caratteristiche, pregi, potenzialità. La vinificazione e la successiva svinatura avviene per gravità, cioè senza l’uso di pompe che danneggerebbero l’integrità delle bucce, accorgimento qualitativo particolarmente importante per le uve del sagrantino per la loro ricchezza polifenolica, soprattutto di tannini. Anche la bottaglia e il locale per l’affinamento in bottiglia sono stati realizzati sotto il livello del terreno per avere una temperatura pressochè costante. Le vigne sono impiantate solo nelle parti alte dei versanti collinari, ad un’altitudine media di 350 metri s.l.m., riservando i fondovalle ai seminativi. I terreni, argillosi e ricchi di calcare, hanno origine geologica diversa: profondi alcuni, ricchi di scheletro altri, che conferiscono ai vini sfumature intense e variegate; colline austere circondate da boschi, dal microclima ideale per uve e olive di altissima qualità. Le varietà coltivate a bacca rossa sono soprattutto Sagrantino e Sangiovese, ma anche Montepulciano, Merlot e Cabernet Sauvignon, mentre quelle a bacca bianca, il Grechetto e il Trebbiano Spoletino. L’età media dei vigneti è di circa 15 anni. Gli impianti più vecchi di Sagrantino hanno 30 anni.

Indietro

Sagrantino di Montefalco Antonelli

Sagrantino di Montefalco Antonelli

  • Produttore Antonelli
  • Paese Italia
  • Tipologia Vino rosso
  • Annata
  • Capacità 75cl
  • Vitigno Sagrantino 

Maggiori informazioni

Montefalco Rosso Riserva Antonelli

Montefalco Rosso Riserva Antonelli

Maggiori informazioni

Montefalco Rosso Antonelli

Montefalco Rosso Antonelli

Maggiori informazioni

Chiusa di Pannone Antonelli

Chiusa di Pannone Antonelli

  • Produttore Antonelli
  • Paese Italia
  • Tipologia Vino rosso
  • Annata
  • Capacità 75cl
  • Vitigno Sagrantino 

Maggiori informazioni

Grechetto Antonelli

Grechetto Antonelli

  • Produttore Antonelli
  • Paese Italia
  • Tipologia Vino bianco
  • Annata
  • Capacità 75cl
  • Vitigno Grechetto Umbria 

Maggiori informazioni