Home > Le regole di successione

Le regole di successione

Nel caso si propongano due o più vini, è fondamentale conoscere le regole di base per poterli servire nella giusta sequenza.
Il cambiamento va effettuato in crescendo, proprio come per le portate: non è comune abitudine mangiare prima il dolce e poi l'arrosto, e la stessa cosa dicasi per il vino.

La sequenza dei vini prevede dunque:

  • i vini più giovani precedono i più vecchi, e ciò si spiega perchè i vini giovani hanno solitamente un sapore più semplice di quelli invecchiati.

  • i vini bianchi precedono i rosati, ai quali seguono i rossi, che si fanno a loro volta seguire da quelli dolci.

  • tra i vini dello stesso tipo, i meno strutturati e meno alcolici precedono quelli di maggiore corpo e gradazione alcolica; in questo caso si tiene conto della persistenza aromatica di alcuni vini che, se serviti prima dei giovani e freschi, coprirebbero le caratteristiche delicate di quest'ultimi; analogalmente, i vini liquoosi coprono tutte le altre sensazioni, dato il loro tenore alcolico e il loro contenuto zuccherino.

Certo, questo discorso non interessa a chi ancora sostiene che fa male cambiare vino, credenza dura da sdradicare, malgrado la moderna dietologia abbia dimostrato che il vino, combinato con la giusta preparazione culinaria, stimola positivamente la secrezione gastrica.