Home > Vini > Abruzzo > Pasetti > Pecorino Pasetti

Pecorino Pasetti

Pecorino Pasetti
  • Produttore Pasetti
  • Regione Abruzzo
  • Tipologia Vino bianco
  • Annata
  • Capacità 75cl
  • Denominazione Dop
  • Alcol
  • Vitigno Pecorino 

Storia del Vino: il pecorino è un VITIGNO a bacca bianca, di antica diffusione in Abruzzo. Sull'origine di questa varietà non è stata fatta molta chiarezza, le prime tracce bibliografiche del pecorino risalgono al tempo di Catone il Censore che lo classificava, insieme con altri vitigni (il Greco di Tufo, il Grechetto e il Pignoletto), nel gruppo delle aminee. Questo gruppo di vitigni prende il nome dal popolo degli Ammei, originari della Tessaglia, i quali nelle loro migrazioni portarono questi vitigni nella nostra penisola. Plinio scriveva in merito "il vino delle Aminee è poco duro, si conserva bene e migliora con l'invecchiamento". Il bollettino ampelografico di Stato del 1875 (fascicolo II) descrive il pecorino come "vitigno che da tempo si coltiva a vigna nei luoghi del medio adriatico, fra le viti di questi luoghi è quello che dà il frutto più precocemente maturo". Alla FINE degli anni ’80 del pecorino si erano perse le tracce, erano presenti solo alcune piante nel teramano e nella provincia dell’Aquila. Oggi grazie ad un lavoro di recupero e di selezione e all’audacia di pochi viticoltori cominciano ad essere disponibili i primi vini. Caratteri organolettici: Struttura piena per questo vino giallo PAGLIERINO brillante. Odori di sambuco, corbezzolo e FRUTTATO di frutta matura. Morbido, caldo, persistente al gusto. Vendemmia: generalmente prima decade di settembre (questo VITIGNO ha il pregio di raggiungere ottime produzioni zuccherine, conservando un buon tenore di acidità totale; modificando di qualche giorno la raccolta si riesce ad esaltare o la freschezza o la STRUTTURA del vino). Vinificazione: è in bianco, Criomacerazione per 18/24, con PIGIATURA e pressatura soffice, con immediata refrigerazione per favorire la decantazione ed eliminazioni dei torbidi in sospensione. Fermentazione con l'ausilio di LIEVITI selezionati, a bassa temperatura (14°/15°). Affinamento: L’affinamento è breve, viene messo in commercio a FINE Gennaio/Febbraio dell’anno successivo. 2 mesi in acciaio sulle FECCE nobili, successivi 3 mesi in bottiglia. Il vino si presta ad un invecchiamento di ulteriori 2-3 anni Modo di Servirlo: lasciare riposare almeno 10 giorni dopo l’arrivo. Servire a temperatura di 8-10° C. Abbinamenti Gastronomici: Abbinamenti consigliati con salumi da antipasto, lasagna in bianco, risotti, animali da cortile e formaggi di media stagionatura. Modi di Conservazione: la bottiglia deve essere tenuta preferibilmente in posizione orizzontale in ambiente lontano da fonti dirette di luce, calore e rumore, con una temperatura tra i 15-18 gradi ed un’umidità intorno al 60-80%.

Indietro